Iscriviti alla newsletter

 Articoli e novità



Come curare la depressione

05/09/2011

Non è certo semplice delineare una terapia univoca da attuarsi per le forme di depressione, essendo tale patologia costellata spesso da un vissuto psicologico dell’individuo che dovrà essere indagato e curato dal medico che si prende cura di lui cercando di inquadrare, anamnesteticamente, il passato remoto e recente dell’ammalato così come si fa del resto anche con l’ansioso.

Intanto occorre differenziare due importanti forme di depressione destinate a far la differenza nell’approccio terapeutico del paziente; una depressione reattiva all’interno di una personalità nel complesso sana e una depressione neurotica laddove esistano motivazioni più profonde che spieghino il quadro clinico del paziente.
Nel primo caso il medico si avvarrà di terapie più sintomatiche che curative nel senso stretto del termine rappresentate per lo più da farmaci antidepressivi triciclici eventualmente associati o meno a sedute di psicoterapia.

Ben altro è il trattamento da attuarsi nei casi di depressione neurotica dove il farmaco che agisca sui sintomi non è sufficiente da solo a contrastare la patologia; in tali casi è necessaria una terapia profonda che agisca a livello dello squilibrio dei neurotrasmettitori che si è determinato.

Laddove la depressione nasca da tale squilibrio endogeno che coinvolga gravemente il fisico e dove si può anche assistere a situazioni di grave pericolo per il paziente che può tentare, solitamente efficacemente, il suicidio, lo specialista, per’altro figura sempre indispensabile in questi casi, riesce farmacologicamente in ambiente idoneo, reparto di psichiatria in testa, ad ottenere per lo più risultati eccellenti.

Solo nella fase di remissione della patologia, a giudizio del medico, è possibile associare eventuale psicoterapia con l’intento non tanto di curare la depressione, quanto invece, di controllare quegli aspetti della vita del paziente che tendono ad aggravare il suo stato o a partecipare alla fase di esacerbazione dei sintomi purtroppo destinati a ripresentarsi.

Ne consegue pertanto che un paziente gravemente depresso non dovrà essere lasciato solo e chi si prende cura del suo stato dovrà anche imparare ad interpretare i sintomi dandone comunicazione tempestiva al medico specialista curante e mettendolo in grado di intervenire efficacemente, tendo conto che di depressione per lo più si guarisce

da: http://www.tantasalute.it

 

 Commento del Dott. Zambello

Condivido con l’articolista l’idea di fondo che la depressione sia una malattia composita che spesso ha bisogno di un approccio polispecialistico: psichiatra, psicoterapeuta. Sarà compito poi degli specialisti valutare di volta in volta che tipo di “terapia” proporre. Ma, certamente sarebbe un grave danno  per il paziente proporgli una soluzione solo sintomatica ovvero  farmacologica, come forse sarebbe inspiegabile trattarlo solo con la psicoterapia quando lo stato  fisico-emotivo potrebbe trarne un grande vantaggio con una breve cura con farmaci.

 

 






   Articolo a cura di: Dott. Renzo Zambello

Dott. Renzo Zambello

 

Studio Psicoterapeutico e Psicoanalitico

Via Melchiorre Gioia 171 - 20125 Milano

Tel.02/6697907

e-mail: renzozambello@libero.it

Sito internet: www.zambellorenzo.it


Visualizza la scheda


  

 GOCCE N. 3


STRESS & ANSIA
Flacone con
contagocce da 50 ml
Impiego: 20 – 40 gtt
tre volte al giorno
prezzo al pubblico 15,00€

GOCCE N. 3 STATI D’ANSIA
Luppolo: inflorescenze 40%
Salice bianco: corteccia 20%
Tiglio: fiori e foglie 20%
Cimicifuga: rizoma 20%







 LINK UTILI


www.bellezzasalute.it categoria Alimentazione


Pagamenti accettati e sicuri.
STRESS & ANSIA
Erbavoglio Production srl - C.so Cavour 27/A - 25121 Brescia - Tel. +39 030 2165911 - info@stresseansia.it
C.F./P.IVA 03518900174 | Reg. Impr. Brescia 03518900174 - REA 411934

PRIVACY POLICY | CONDIZIONI DI VENDITA, DIRITTO DI RECESSO E TEMPI DI CONSEGNA DELLA MERCE

Sito internet realizzato da www.internetsol.it

Prima di assumere qualsiasi cosa è sempre indicato rivolgersi al proprio medico curante! Leggere le informazioni relative al servizio di fitovigilanza http://www.farmacovigilanza.org/fitovigilanza/index.htm, le interazioni tra erbe e piante http://www.farmacovigilanza.org/fitovigilanza/interazioni/, le piante di cui si ritiene contro-indicazione assoluta all'impiego, le famiglie di piante pericolose o vietate e altre informazioni.