Iscriviti alla newsletter

 Articoli e novità



Più magnesio per la salute del cuore

29/04/2011

Da tempo si sapeva che la somministrazione di magnesio fosse vantaggiosa per la cardiochirurgia, perché in grado di ridurre l'ipertensione arteriosa post-operatoria, la concentrazione di creatinfosfochinasi miocardica e le alterazioni specifiche all'elettrocardiogramma, aumentando inoltre la gettata cardiaca. Un'analisi pubblicata sull' American Journal of Medicine , che ha confrontato statisticamente una serie di sperimentazioni cliniche, conferma oggi questi vantaggi, dimostrando che la somministrazione preventiva di magnesio riduce il tasso di episodi di aritmie dopo chirurgia cardiaca, anche se non riduce la frequenza dell'infarto miocardico e della mortalità.

Il flusso del calcio dentro e fuori le cellule cardiache è un fattore chiave per comprendere il buon funzionamento del cuore; dell'argomento si è già occupato in dettaglio questo notiziario. Il calcio è in un certo senso il messaggero che ordina al muscolo cardiaco di contrarsi. Ad ogni battito, aumenta la concentrazione di calcio nelle cellule. Il magnesio regola il flusso del calcio negli stati fisiologici e fisiopatologici; una carenza di magnesio nei tessuti appare più frequentemente presente in pazienti con malattia cardiovascolare, come sembrano dimostrare diversi studi. Aumentando le concentrazioni di questo minerale durante episodi di ischemia e ipossia si hanno effetti bloccanti a livello del transito cellulare di calcio; il flusso del calcio è quindi inibito ed è ridotto il danno a livello della cellula miocardica.

La ricerca ha preso in considerazione 17 studi clinici sul magnesio come prevenzione delle aritmie dopo operazione cardiochirurgica, per un totale di 2069 pazienti. Trascorse 24 ore dall'operazione, la concentrazione media di magnesio nel sangue era più alta nel gruppo trattato che nei pazienti di controllo, con una riduzione del rischio di aritmie sopraventricolari pari al 23 per cento, compreso un 29 per cento di riduzione di fibrillazione atriale e una riduzione del 48 per cento delle aritmie ventricolari. I ricercatori non hanno potuto tuttavia riscontrare una correlazione significativa tra la somministrazione di magnesio e la frequenza di infarto miocardico perioperativo, né con la mortalità generale.

Secondo Toshiya Shiga (Nippon Medical School, Chiba, Giappone) "la somministrazione di magnesio è un'opzione promettente per ridurre il rischio di aritmie sopraventricolari, compresa la fibrillazione atriale". Tuttavia a detta degli autori i risultati vanno valutati. "Abbiamo l'impressione che l'esito dell'intervento cardiochirurgico dipenda tuttavia dall'operazione stessa, più che da terapie di supporto e dalla somministrazione di magnesio", hanno dichiarato i ricercatori giapponesi. Una certa eterogeneità dei dati potrebbe affrettare le conclusioni della meta-analisi, senza smentire però il dato di fondo, cioè che il magnesio in profilassi riduce significativamente il rischio di aritmie dopo cardiochirurgia.

Fonte: Shyga T, Waijma Z, Inoue T et al. Magnesium prophylaxis for arrhythmias after cardiac surgery: A meta-analysis of randomized controlled trials. Am J Med 2004;117(5):325-333.






  

 GOCCE N. 3


STRESS & ANSIA
Flacone con
contagocce da 50 ml
Impiego: 20 – 40 gtt
tre volte al giorno
prezzo al pubblico 15,00€

GOCCE N. 3 STATI D’ANSIA
Luppolo: inflorescenze 40%
Salice bianco: corteccia 20%
Tiglio: fiori e foglie 20%
Cimicifuga: rizoma 20%







 LINK UTILI


www.bellezzasalute.it categoria Alimentazione


Pagamenti accettati e sicuri.
STRESS & ANSIA
Erbavoglio Production srl - C.so Cavour 27/A - 25121 Brescia - Tel. +39 030 2165911 - info@stresseansia.it
C.F./P.IVA 03518900174 | Reg. Impr. Brescia 03518900174 - REA 411934

PRIVACY POLICY | CONDIZIONI DI VENDITA, DIRITTO DI RECESSO E TEMPI DI CONSEGNA DELLA MERCE

Sito internet realizzato da www.internetsol.it

Prima di assumere qualsiasi cosa è sempre indicato rivolgersi al proprio medico curante! Leggere le informazioni relative al servizio di fitovigilanza http://www.farmacovigilanza.org/fitovigilanza/index.htm, le interazioni tra erbe e piante http://www.farmacovigilanza.org/fitovigilanza/interazioni/, le piante di cui si ritiene contro-indicazione assoluta all'impiego, le famiglie di piante pericolose o vietate e altre informazioni.