Iscriviti alla newsletter

 Articoli e novità



Ashwagandha o Withania somnifera: effetti, dosaggio e controindicazioni

09/03/2012

L'ashwagandha o ginseng indiano (Withania somnifera) proviene dall'ayurveda ed è uno dei più interessanti fitoterapici in circolazione, specie l'estratto secco in compresse o capsule. Esaminiamone proprietà, effetti, dosaggio, controindicazioni ed effetti collaterali.

Ci sono pochi fitoterapici che apprezziamo tanto quanto l'ashwagandha, pianta proveniente dall'ayurveda, la medicina tradizionale utilizzata in India da millenni, ma ormai molto nota e diffusa anche da noi per le sue qualità.

La radice di ashwagandha ha soprattutto proprietà toniche e adattogene (ovvero aumenta la resistenza dell'organismo ai più diversi stress psicofisici), ma anche interessantissimi effetti antinfiammatori e antidolorifici. Queste proprietà sono state confermate dalla moderna ricerca scientifica anche con studi specifici sull'uomo e non solo su modelli animali. Il merito dell'attività salutistica della radice di Withania somnifera è da ricondurre innanzitutto ad alcuni suoi particolari principi attivi, denominati, appunto, withanolidi.

L'impiego tradizionale del ginseng indiano nell'ambito della medicina ayurvedica è in primo luogo come antistress naturale e tonico generale e del sistema nervoso, impiego che è il principale dell'ashwagandha anche in Occidente. Il ginseng indiano aiuta infatti a migliorare memoria, concentrazione e attenzione, a contrastare ansia e nervosismo, a combattere stanchezza, debilitazione e insonnia (come suggerisce il suo nome latino Withania somnifera), senza però gli effetti indesiderati ed eccessivamente stimolanti che talvolta possono avere altri fitoterapici ad azione tonica, come ad esempio il vero ginseng (Panax ginseng). Alcuni studi hanno dimostrato interessanti prospettive dell'impiego dell'ashwagandha persino in certe forme di demenza e nella malattia di Alzheimer, nonché in alcuni tipi di cancro.

Di particolare interesse anche i suoi citati effetti antinfiammatori e analgesici: al contrario dei farmaci di sintesi, l'ashwagandha non irrita le mucose gastriche e può quindi essere assunta anche da chi soffra di dolori muscoloscheletrici, artrite e problemi reumatici e nel contempo anche di reflusso gastroesofageo, gastrite o addirittura ulcera.

Per chi conosce l'ayurveda, gli effetti che l'ashwagandha ha sui dosha (le tre energie vitali che pervadono il corpo) sono quelli di calmare lo squilibrio di vata e di ottimizzare l'attività di kapha.

Gli effetti collaterali dell'ashwagandha? Nessuno evidenziato fino a oggi: Withania somnifera è una pianta molto sicura e del tutto priva di tossicità ai dosaggi usualmente consigliati.

Le interazioni con i farmaci dell'ashwagandha riguardano solo alcuni psicofarmaci, come i barbiturici, di cui il ginseng indiano potrebbe rafforzare gli effetti. Peraltro non tutti gli autori concordano sulla veridicità di questa interazione.

In merito alle controindicazioni dell'ashwagandha, l'uso di questa pianta è da evitare in gravidanza, perché potrebbe indurre l'aborto. In genere ne viene sconsigliata l'assunzione anche durante l'allattamento. Inoltre, alcune evidenze, comunque isolate o non del tutto confermate, suggeriscono prudenza o sconsigliano l'ashwagandha nei soggetti ipertiroidei.

Per quel che riguarda le preparazioni migliori e il dosaggio dell'ashwagandha, suggeriamo gli estratti secchi di radice standardizzati in withanolidi, in capsule o compresse da 200-400 mg, da assumere due o tre volte al giorno.

Insomma, l'ashwagandha è davvero un rimedio naturale versatile e utilizzabile in un'ampio ventaglio di condizioni di salute, con effetti collaterali e controindicazioni nemmeno lontanamente paragonabili a quelli dei farmaci. Perché allora non tenerla sempre a portata di mano?

Fonte: http://www.lucaavoledo.it/2012/02/ashwagandha-o-withania-somnifera.html





  

 GOCCE N. 3


STRESS & ANSIA
Flacone con
contagocce da 50 ml
Impiego: 20 – 40 gtt
tre volte al giorno
prezzo al pubblico 15,00€

GOCCE N. 3 STATI D’ANSIA
Luppolo: inflorescenze 40%
Salice bianco: corteccia 20%
Tiglio: fiori e foglie 20%
Cimicifuga: rizoma 20%







 LINK UTILI


www.bellezzasalute.it categoria Alimentazione


Pagamenti accettati e sicuri.
STRESS & ANSIA
Erbavoglio Production srl - C.so Cavour 27/A - 25121 Brescia - Tel. +39 030 2165911 - info@stresseansia.it
C.F./P.IVA 03518900174 | Reg. Impr. Brescia 03518900174 - REA 411934

PRIVACY POLICY | CONDIZIONI DI VENDITA, DIRITTO DI RECESSO E TEMPI DI CONSEGNA DELLA MERCE

Sito internet realizzato da www.internetsol.it

Prima di assumere qualsiasi cosa è sempre indicato rivolgersi al proprio medico curante! Leggere le informazioni relative al servizio di fitovigilanza http://www.farmacovigilanza.org/fitovigilanza/index.htm, le interazioni tra erbe e piante http://www.farmacovigilanza.org/fitovigilanza/interazioni/, le piante di cui si ritiene contro-indicazione assoluta all'impiego, le famiglie di piante pericolose o vietate e altre informazioni.