Iscriviti alla newsletter

 Articoli e novità



Attacchi di panico: difesa dalla frammentazione psicologica.

08/07/2011

E’ indubbio che negli ultimi decenni è cambiata la tipologia della sofferenza psicologica. Agli inizi del novecento  i neuropsichiatri vedevano  oltre alle forme congenite, croniche di deficit  mentale, psicotici in delirio produttivo o casi di isteria. Ora,  quest’ultima sembra essere quasi totalmente scomparsa, per la verità non è proprio così ma, è certamente cambiata la sintomatologia prevalente. Dati credibili dicono  che il 10, 15% della popolazione di pazienti  che affolla tutti i giorni gli ambulatori dei medici di base e,  il 40,45% di quelli che chiedono aiuto ad uno psicoterapeuta, soffrono di attacchi di panico.

 

Sappiamo bene che questi attacchi si presentano al paziente come un’ esperienza improvvisa e drammatica  che coinvolge completamente  mente e corpo.  E’ come se improvvisamente tutto andasse in corto-circuito,  il paziente prova  tremore,  sudore, nausea, vertigini, iperventilazione, parestesie (sensazione di formicolio), tachicardia, sensazione di soffocamento o asfissia. La maggior parte delle persone che soffre di attacchi di panico riferisce la paura di morire o di  perdere il controllo delle proprie  emozioni e comportamenti, cioè di impazzire. E tutto ciò avviene improvvisamente, apparentemente senza alcun preavviso e alcun  motivo.

 

Le sequela prevede il correre a chiedere aiuto ad un  medico, spesso il ricovero in un pronto soccorso, poi la diagnosi: nessun problema fisico, è un  attacco di panico.

 

Seguono le indicazioni terapeutiche: farmaci, ansiolitici, antidepressivi e forse, non sempre, l’indicazione ad intraprendere  una psicoterapia comportamentale che dovrebbe aiutare il paziente a superare le ferite psicologiche lasciate   dall’attacco di panico. Ferite a volte non di poco conto, infatti il paziente tende a non andare più nei luoghi dove ha avuto l’attacco, a chiudersi piano, piano in se stesso, ad isolarsi. 

 

Personalmente non credo affatto che tutto ciò dipenda da “errori” organici, del nostro “computer cervello”  che improvvisamente va in tilt e credo anche poco che la terapia passi attraverso un tentativo di superare le micro e macro-fratture che si sono formate dentro in seguito al terremoto emotivo e fisico quale è l’attacco di panico.

 

Sono  convinto che esso sia in realtà, solo il sintomo di un disagio profondo di cui il paziente non  aveva consapevolezza e inconsciamente negava. L’attacco di panico è in realtà l’occasione che l’inconscio si da per cambiare,  prendendo contatto con problemi negati  e,  forse, con le vere istanze del  sé. 

 

Se sono verosimili le percentuali che riferivo prima circa gli attacchi di panico, è altrettanto verosimile che oggi le manifestazione  psicopatologiche più comuni che vediamo in terapia,  sono “stati” di frammentazione del sé.

 

Non sono più le grandi patologie, quelle che una volta venivano chiamate personalità multiple ma, stati al limite, dove il paziente agisce su più livelli, in più ruoli, su più stati emotivi  poco comunicabili tra loro. Chi qualche volta è stato in un grande aeroporto, dove ci sono una serie di gates che si distaccano a raggiera dal corpo centrale, capisce cosa intendo.

 

E’ come se il paziente vivesse separatamente di volta in volta,  queste “bolle” esperienziali che si staccano dal corpo centrale e pur rimanendo collegate ad esso, sono in realtà a se stanti e tra loro difficilmente comunicabili.

 

La sintomatologia è l’incapacità del paziente a provare vere soddisfazioni o dolori, qualunque cosa faccia, ottenga o succeda è continuamente in preda ad una ansia generalizzata e aspecifica.

 

Il corpo è allora diventato l’elemento unificatore, centrale, il più antico del sé.

 

E’ lui che trasmette, che racconta il disagio. Se siamo capaci di coglierne il simbolo, possiamo  leggere  nel racconto della sofferenza che segue l’attacco di panico, la realtà  di un sé spaccato che teme di frammentarsi ulteriormente,  di perdersi.

 

E’ però  un Sé ancora vitale, sofferente, ma  potenzialmente capace di rinnovarsi.

 

Temo che spesso la “pastiglia” sia come  il silenziatore. Come se mettessimo un bavaglio alle urla di un bambino. Urla che ci infastidiscono perché non le capiamo,  o perché  pensiamo di aver altro di cui occuparci

 

Fonte: http://www.psicoterapiadinamica.it/2011/04/attacchi-di-panico-difesa-dalla-frammentazione-psicologica/






   Articolo a cura di: Dott. Renzo Zambello

Dott. Renzo Zambello

 

Studio Psicoterapeutico e Psicoanalitico

Via Melchiorre Gioia 171 - 20125 Milano

Tel.02/6697907

e-mail: renzozambello@libero.it

Sito internet: www.zambellorenzo.it


Visualizza la scheda


  

 GOCCE N. 3


STRESS & ANSIA
Flacone con
contagocce da 50 ml
Impiego: 20 – 40 gtt
tre volte al giorno
prezzo al pubblico 15,00€

GOCCE N. 3 STATI D’ANSIA
Luppolo: inflorescenze 40%
Salice bianco: corteccia 20%
Tiglio: fiori e foglie 20%
Cimicifuga: rizoma 20%







 LINK UTILI


www.bellezzasalute.it categoria Alimentazione


Pagamenti accettati e sicuri.
STRESS & ANSIA
Erbavoglio Production srl - C.so Cavour 27/A - 25121 Brescia - Tel. +39 030 2165911 - info@stresseansia.it
C.F./P.IVA 03518900174 | Reg. Impr. Brescia 03518900174 - REA 411934

PRIVACY POLICY | CONDIZIONI DI VENDITA, DIRITTO DI RECESSO E TEMPI DI CONSEGNA DELLA MERCE

Sito internet realizzato da www.internetsol.it

Prima di assumere qualsiasi cosa è sempre indicato rivolgersi al proprio medico curante! Leggere le informazioni relative al servizio di fitovigilanza http://www.farmacovigilanza.org/fitovigilanza/index.htm, le interazioni tra erbe e piante http://www.farmacovigilanza.org/fitovigilanza/interazioni/, le piante di cui si ritiene contro-indicazione assoluta all'impiego, le famiglie di piante pericolose o vietate e altre informazioni.