Iscriviti alla newsletter

 Articoli e novità



La depressione si cura anche online

30/08/2011

MILANO – La depressione? Si combatte anche su Internet. A dirlo è uno studio appena pubblicato dalla rivista scientifica Australian and New Zealand Journal of Psychiatry: per le forme depressive più lievi – sostiene l’articolo – i programmi di trattamento basati sul web risultano efficaci quanto gli interventi incentrati sul classico faccia a faccia psichiatra-paziente.

SADNESS – A spingere verso l’impiego dei nuovi media nella cura della tristezza patologica è una ricerca che ha monitorato 45 pazienti affetti da forme moderate di depressione sottoposti a un programma virtuale di cura denominato Sadness. Messo a punto dal Centro di ricerca su ansia e depressione del St Vincent’s Hospital di Sydney in Australia, il percorso terapeutico prevede sei lezioni online, una serie di compiti da assolvere a casa propria, contatti settimanali via e-mail con uno specialista e la partecipazione ad un forum virtuale. Risultato: al termine del trattamento, più di un terzo di pazienti coinvolti non presentava più sintomi di depressione; un’efficacia, a detta dei ricercatori australiani, paragonabile a quella dei metodi tradizionali. Con in più, si fa notare, vantaggi logistici e pecuniari. «I trattamenti via Internet possono essere seguiti da casa e sono più economici», ha spiegato al sito dell’emittente australiana Abc Gavin Andrews, direttore del Centro e co-autore dell’articolo. Fra i punti di forza dell’approccio virtuale, secondo Andrews, va inclusa anche la responsabilizzazione dei soggetti depressi: «Il trattamento costringe i pazienti a pensare e a contare su se stessi dal momento che devono documentare i loro progressi sul web». Nel complesso, gli individui sottoposti al test hanno ricevuto in media 8 e-mail dagli specialisti pari a 111 minuti di lavoro dello psichiatra. Un percorso terapeutico tradizionale avrebbe comportato dalle 12 alle 15 ore di contatto faccia a faccia.

TERAPIE ALTERNATIVE – Lo studio australiano aggiunge un’altra evidenza a quello che alcuni specialisti sostengono da tempo: le nuove tecnologie possono intervenire positivamente nella cura di alcune forme di depressione. «Questa ricerca è un tentativo di dimostrare che il futuro per il trattamento di disturbi lievi, e sottolineo lievi, può trovare risposte competenti attraverso canali alternativi», dice Claudio Mencacci, direttore del Dipartimento di Salute Mentale Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli-Oftalmico, Milano. «E’ qualche anno che la psichiatria si interessa a sistemi che, coinvolgendo tecnologie di rete, consentono di tenere insieme l’intervento psico-educativo e quello cognitivo-comportamentale che passa per l’assegnazione di compiti e la risoluzione di problemi». Il web, dopo tutto, è solo l’ultimo degli ausili tecnologici a disposizione del terapeuta. Il telefono, per esempio, offre ancora oggi un apporto prezioso, come dimostra in Italia il caso del Progetto Itaca, un centro di ascolto per la salute mentale. «Diciamocelo: se Freud avesse avuto Internet l’avrebbe usata», conclude Mencacci.

di: Raffaele Mastrolonardo
da:http://www.corriere.it

 

 Commento del Dott. Zambello

Ho l’impressione che si faccia un po’ di confusione tra quello che é uno strumento,  un’ ausilio terapeutico, informativo e la terapia vera e propria. Personalmente ho ritenuto fin dall’inizio della mia professione che  l’utilizzo di internet fosse importante ai fini dell’informazione e della conoscenza e l’ho utilizzato molto, lo dimostra il fatto che ora siamo qui, in rete. Ma che centra questo con la terapia? E’ come se qualcuno volesse farci credere che l’informazione culinaria, i numerosi siti che ci danno informazione sui cibi, come sceglierli e prepararli, soddisfassero la nostra fame. Pensate se un giorno qualcuno, venisse a spiegarci che é possibile soddisfare i nostri appetiti seguendo un training in rete.  Può darsi che io sia tutto sommato della vecchia generazione e che non capisca ma, per me, la psicoterapia é un “rapporto” e come tale ha bisogno che i protagonisti si incontrino non solo “mentalmente” , nello web ma fisicamente. Il loro rapporto deve essere l’incontro di tutto il se, mente, corpo e inconscio.

Forse é vero che Freud se  vivesse oggi userebbe internet. lo dico sempre ai miei colleghi analisti che  guardano lo web con un certo sospetto, ma per inviare le e mail, pubblicare i suoi lavori, studiare e farsi studiare non altro, ne sono sicuro.

 

 






   Articolo a cura di: Dott. Renzo Zambello

Dott. Renzo Zambello

 

Studio Psicoterapeutico e Psicoanalitico

Via Melchiorre Gioia 171 - 20125 Milano

Tel.02/6697907

e-mail: renzozambello@libero.it

Sito internet: www.zambellorenzo.it


Visualizza la scheda


  

 GOCCE N. 3


STRESS & ANSIA
Flacone con
contagocce da 50 ml
Impiego: 20 – 40 gtt
tre volte al giorno
prezzo al pubblico 15,00€

GOCCE N. 3 STATI D’ANSIA
Luppolo: inflorescenze 40%
Salice bianco: corteccia 20%
Tiglio: fiori e foglie 20%
Cimicifuga: rizoma 20%







 LINK UTILI


www.bellezzasalute.it categoria Alimentazione


Pagamenti accettati e sicuri.
STRESS & ANSIA
Erbavoglio Production srl - C.so Cavour 27/A - 25121 Brescia - Tel. +39 030 2165911 - info@stresseansia.it
C.F./P.IVA 03518900174 | Reg. Impr. Brescia 03518900174 - REA 411934

PRIVACY POLICY | CONDIZIONI DI VENDITA, DIRITTO DI RECESSO E TEMPI DI CONSEGNA DELLA MERCE

Sito internet realizzato da www.internetsol.it

Prima di assumere qualsiasi cosa è sempre indicato rivolgersi al proprio medico curante! Leggere le informazioni relative al servizio di fitovigilanza http://www.farmacovigilanza.org/fitovigilanza/index.htm, le interazioni tra erbe e piante http://www.farmacovigilanza.org/fitovigilanza/interazioni/, le piante di cui si ritiene contro-indicazione assoluta all'impiego, le famiglie di piante pericolose o vietate e altre informazioni.